Pagamento retribuzioni no ai contanti da luglio 2018

22 gennaio 2018

Pagamento delle retribuzioni no ai contanti da luglio 2018

 

Da luglio 2018 i datori di lavoro e i committenti non potranno più erogare le retribuzioni, relativi acconti e i compensi in contanti.

La norma prevede infatti che il pagamento degli stessi debba avvenire a mezzo:

a) bonifico sul conto identificato dal codice IBAN indicato dal lavoratore;

b) strumenti di pagamento elettronico;

c) pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento;

d) emissione di un assegno consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato.

L'impedimento s'intende comprovato quando il delegato a ricevere il pagamento è il coniuge, il convivente o un familiare, in linea retta o collaterale, del lavoratore, purché di età non inferiore a sedici anni.

La presente norma è applicabile a tutti i rapporti di lavoro dipendente e di collaborazione coordinata e continuativa nonché ai contratti stipulati con i soci delle cooperative.

Sono esclusi i rapporti di lavoro domestico e le pubbliche amministrazioni.

È inoltre previsto che la firma apposta dal lavoratore sul foglio paga non costituisce prova del pagamento della retribuzione.

Legge di Bilancio n°205 del 27 dicembre 2017

Art. 1 commi da 910 a 914

 

Archivio news

 

News dello studio

gen22

22/01/2018

Pagamento retribuzioni no ai contanti da luglio 2018

Pagamento delle retribuzioni no ai contanti

gen2

02/01/2018

Online Corsi di aggiornamento Sicurezza sul Lavoro

INSERIMENTO Nuovi corsi on line per addetti

dic19

19/12/2017

COS'E' WEB DESK E PERCHE' UTILIZZARLO

Risparmio tempo, carta e rispetto della

News

apr24

24/04/2018

Tirocini formativi extracurriculari: attenzione “alta” dell'Ispettorato nazionale del lavoro

Contrastare l’evasione e l’elusione contributiva

apr23

23/04/2018

Il welfare aziendale guarda con attenzione alla sanità integrativa

A seguito della riduzione della copertura

apr23

23/04/2018

CIG ordinaria: dall'INPS adeguata motivazione alle aziende per le domande respinte

Le sedi INPS prima di respingere le domande